IMG_5203

Non ho ancora preso le medicine, né un caffè decente: il traffico da Deadtown è stato rallentato da una nebbia fosca. Sono quasi le 11 di una mattinata girgia.

Arrivo senza niente di preparato: mi affiderò alla poca esperienza raccolta durante le presentazioni di Spade e quella maturata durante due occupazioni in altre scuole.

Guardo i ragazzi e capisco di avere avuto fortuna: i loro sguardi mi parlano di intelligenza, di forza, di amore per la modernità delle loro vite appena iniziate. Il loro professore di religione è un uomo geniale e gentile, e questo basta!

Giorgia è adorabile, il suo sguardo non ha peso, ma ha la forza di una carezza… il tempo passa, le domande dei ragazzi arrivano fino oltre il suono della campanella, che grida “liberta”!

Io mi accommiato, ci regaliamo degli applausi, e mi sembra di avere detto delle cose buone. Sono felice.

Grazie, ragazzi: siete stati magnifici, non avete dato peso alla mia paura, avete tralasciato il carico dei miei tic nervosi e avete incoraggiato il suono duro di certe parole, come eroina, affanno, dipendenza, astinenza…

Vi auguro di non cercare mai il buio: ce n’è già così tanto, per le strade, che basta affacciarsi per ricevere malattie, ma se guardi oltre vedrai il sole sopra le montagne e il mare degli uomini liberi.

La mia giornata inizia così, con l’incontro di anime morbide ma non fragili, che assorbono senza perdere, e a volte basta questo: parlare di tenebre per celebrare la luce del giorno.

Dedicato a Giorgia Lapenna., al professor Juan Pablo Mahè, e ai ragazzi del Liceo Leopardi, Liceo delle scienze umane – quarta classe.

About The Author

1 Comment

  1. Grazie a te, caro Gio.
    Le tua piccola “lezione di religione”, se così si può chiamare, è stata un’ora di stupore per tutti noi studenti, anche per me che la tua storia avevo già avuto il piacere di ascoltarla più volte.
    Ti aspettiamo ancora!
    Con affetto,
    Giorgia

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close